Il comprensorio sul quale oggi insiste il palazzo con i giardini era in origine di proprietà della chiesa di S. Maria a Mare e venne nel tempo affidato a diversi ecclesiastici, che ne traevano le rendite in loro beneficio.

Ai principi del Cinquecento, unite alla Rettoria di Santa Maria a Mare e alla prebenda del Primiceriato (allora dignità maggiore del clero maiorese) ..

Continua la lettura

Spread the love